La Mela simbolo di Apple

Apple registra complessivamente 1.760.000 posti d’impiego in Europa, con oltre 20 miliardi di euro di guadagni da parte degli sviluppatori europei.

 

Dalla nascita nel lontano 1 aprile 1976, la Casa di Cupertino ne ha fatta eccome di strada, e non parliamo solo di fenomeno mediatico. Il lancio dell’App Store nel 2008 e l’incremento di milioni di nuove occupazioni in Europa, hanno avviato una vera e propria rivoluzione nel business legato alle app. Quanto basta per attestare la nascita di un nuovo settore lavorativo in poco meno di dieci anni.

Nel frattempo i numeri continuano a crescere: negli ultimi due anni in particolare, il lavoro dell’app economy europea è aumentato del 28%. Tra i Paesi maggiormente interessati: il Regno Unito con 291.000 posti di lavoro, e a seguire, la Germania con 262.000 e la Francia con 220.000.

Delle sedi europee di rilievo emerge quella a Cork, in Irlanda, dove Apple rappresenta il principale datore di lavoro privato. La base è attiva da oltre 35 anni e presenta un organico di 6.000 dipendenti in tutto il Paese. Dal 2012 poi, sono stati finanziati quasi 220 milioni di euro per lo sviluppo del campus presso Hollyhill, recentemente ampliato per poter accogliere altri 1.400 dipendenti. Altro importante investimento si registra a Londra per la realizzazione del nuovo campus alla Battersea Power Station, la cui apertura è prevista per il 2021.

Apple Store

Apple in Italia

Il nostro Paese conta 62.000 posti di lavoro nell’ecosistema App store, 1624 dipendenti Apple e ben 261 fornitori.

Uno di questi è il Laboratorio Elettrofisico a Nerviano, nella provincia milanese, specializzato nello sviluppo degli strumenti per la misurazione magnetica più precisa al mondo. E il numero di Apple store è in costante ascesa: lo scorso 26 luglio, Milano ha visto l’inaugurazione del 17° presso Piazza Liberty, nel cuore della città.

Anche in ambito didattico lo sviluppo prosegue: nel 2016, in collaborazione con l’Università Federico II di Napoli, nasce la prima iOS Developer Academy.

Il progetto nasce con l’obiettivo di far partecipare studenti italiani e internazionali ad un percorso di formazione specifica nello sviluppo di App.

Si tratta della prima Academy mai realizzata in Europa, frutto dell’accordo tra l’ex premier Renzi e l’amministratore delegato dell’azienda Tim Cook.

Nonostante i rumors iniziali, Napoli ha avuto la meglio sulle favorite Roma e Milano, e il progetto, insieme alla collaborazione con il Dipartimento di Architettura, ha permesso la rinascita della periferia partenopea.

Dell’attuale corso, 42 studenti parteciperanno al WorldWide Developer Conference: una conferenza di rilievo mondiale in California che vedrà la presentazione di tutte le prossime innovazioni su prodotti e servizi Apple.

Scopri di più sulle curiosità dal mondo del web