Un corriere mostra fa il pollice verso il basso per un pacco con oggetti proibiti

Gli oggetti proibiti rientrano tra quelle categorie di prodotto che non possono essere gestite dai corrieri. Scopriamo insieme quali sono e perché!

 

Le problematiche in grado di compromettere il buon esito di una spedizione possono essere davvero tantissime e dipendere da più cause. L’invio di un pacco infatti, così come quello di una busta, rientra in un processo che coinvolge diversi fattori e step.

Spesso l’anomalia si attribuisce al ritiro o al momento della consegna, tralasciando in realtà il vero protagonista della spedizione: il contenuto del pacco. Ed è qui che entrano in scena gli oggetti proibiti, ovvero una serie di merci che non è possibile spedire non solo per difficoltà di trasporto, ma anche per divieti imposti dalla legge e per i quali si può rischiare di intercorrere in conseguenze penali.

 

Ecco cosa non puoi spedire:

  1. Merci dichiarate pericolose: fanno parte di questa categoria tutte le merci che per loro natura o tipologia di imballo possono rappresentare un danno per l’uomo o per l’ambiente. Qualche esempio? Le batterie al litio, oppure rifiuti speciali e pericolosi.

 

  1. Animali, sia vivi che morti.

 

  1. Merce con imballo inadeguato o mancante

 

  1. Valori o merci preziose, di cui: monete, denaro di qualunque valuta, carte valori, cambiali, oro argento e platino (lavorati e non), pietre preziose, avorio, gioielli, pellicce.

 

  1. Liquidi, ma con particolari restrizioni. Fanno infatti eccezione quelli correttamente imballati e dotati di materiale adatto ad assorbirne il contenuto in caso di rottura. Alcuni corrieri come BRT infatti, accettano questa tipologia di merce solo e soltanto previo adeguato imballaggio.

 

Infografica sugli oggetti proibiti

 

  1. Merci deperibili come: alimenti freschi che richiedono un trasporto a temperatura controllata (frutta e verdura, formaggi freschi, carni, etc) semi e piante.

 

  1. Motori e ciclomotori

 

  1. Oggetti fragili o antichi come: specchi, opere d’arte, oggetti da collezionismo e antiquariato.

 

  1. Materiali infiammabili (come: accendini, lacche, solventi, spray, benzina, etc), esplosivi o irritanti, sostanze infettive o radioattive.

 

  1. Oggetti vietati da norme vigenti come: armi (ad eccezione di quanto previsto dall’art. 45 del Regolamento per l’esecuzione del T.U. delle leggi di pubblica sicurezza: “Non sono considerate armi gli strumenti da punta e da taglio, che, pur potendo occasionalmente servire all’offesa, hanno una specifica e diversa destinazione, come gli strumenti da lavoro, e quelli destinati ad uso domestico, agricolo, scientifico, sportivo, industriale e simili”), droghe, tabacchi da monopolio, merci contraffatte, valori bollati, materiale pornografico.

 

Ricorda sempre che così come per i liquidi, sono ammessi solo se adeguatamente confezionati con apposito imballo anche medicinali e polveri.

 

A cosa serve conoscere gli oggetti proibiti?

Conoscere nel dettaglio tutti questi prodotti è utilissimo nell’evitarti una serie di seccature. Il corriere potrebbe rifiutarsi per esempio di ritirare, qualora rilevasse subito un oggetto non spedibile. Ma sarebbe un rischio in ogni caso, infatti se dovesse verificarsi un danneggiamento o uno smarrimento, perderesti completamente diritto di rimborso, anche previa assicurazione.

 

Scopri di più sul mondo delle spedizioni online