Un tablet mostra l'homepage di Pinterest

Per Pinterest il 2019 sembra essere l’anno decisivo per il salto di qualità. Dalla quotazione in borsa all’ecommerce, fino ad arrivare alla sponsorizzazione gratuita di contenuti pubblicitari anche nel nostro Paese.

Il portale nasce nel 2010 a San Francisco da Ben Silbermann e, anche se inizialmente si pone un po’ come l’anello di congiunzione tra Facebook ed Instagram, ben presto arriva alla conquista di una propria peculiare identità.

Parliamo di una piattaforma orientata alla condivisione di immagini, video e foto per chi è alla ricerca di ispirazioni e idee creative nei settori più disparati: arredamento e design, ricette, trucco, outfit e molto altro. Così in base alle proprie preferenze si può creare una bacheca personalizzata in cui catalogare le immagini selezionate.

Attualmente conta circa 250 milioni di utenti attivi ogni mese (di cui 8 solo dall’Italia, secondo ComScore) e prosegue con il suo percorso di crescita, sebbene le stime siano ancora lontane dai grandi numeri registrati dai big dell’universo social.

Pinterest si avvicina all’Italia

Pinterest ha reso disponibili i contenuti sponsorizzati a Spagna, Germania, Austria e Italia, dopo la Francia nel 2018, primo Paese non anglosassone ad averne usufruito. Così si potranno utilizzare formati promozionali standard, video e diverse opzioni di targeting.

I Pin sponsorizzati dunque sono stati estesi in totale ad 11 Paesi tra cui: Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Canada, Francia, Irlanda, Nuova Zelanda, Germania, Austria, Spagna e Italia. Inoltre sono in fase di test in Belgio, Portogallo, Svizzera e Paesi Bassi.

Ma non è finita qui.

L’azienda sta aprendo degli uffici anche a Milano con un team dedicato proprio al mercato italiano.

Adrien Boyer, Country Manager di Pinterest per Sud Europa e Benelux, dichiara:

«Non vediamo l’ora di iniziare a lavorare a stretto contatto con gli inserzionisti e i creativi italiani. La cultura italiana del Made in Italy è naturalmente connessa al nostro modello di business, che fa leva sulla capacità di ispirare da parte di servizi e prodotti. Il nostro pubblico è interessato al cibo, al design, alla moda, ai viaggi: tematiche e contesti che in tutto il mondo sono associati all’idea del Made in Italy, inteso come brand globale in cui si identifica la creatività italiana».

Un utente cerca immagini su Pinterest

 

Il caso Leroy Merlin e Ferrero

La piattaforma dunque era già in collaborazione con diversi Paesi europei da cui è stata scelta proprio per pubblicizzare gratuitamente prodotti e servizi.

Come Leroy Merlin, il marchio francese del fai da te, che ha saputo promuoversi grazie a contenuti pertinenti e di interesse. Attraverso profili professionali in Francia, Spagna e Italia il livello di interazione con il pubblico ha raggiunto ottimi risultati, affiancato dal supporto delle attività in-store.

«In Europa, Pinterest ci ha permesso di ispirare clienti sia nuovi che già esistenti con idee su come rinnovare i propri spazi e su come implementare un progetto più ambizioso che sia in accordo con i loro gusti personali. Pinterest è per noi una grande opportunità per raggiungere le persone che stanno cercando ispirazione e che potrebbero non aver considerato Leroy Merlin come fonte di idee per la casa. È questa mentalità aperta del pubblico ad essere così speciale su Pinterest», dichiara Tatiana Okutina, Head of Communication Groupe Projects.

Lo scorso mese Pinterest aveva già reso disponibile questa funzione ad alcune note aziende, Tchibo, REWE e Ferrero. Quest’ultima infatti ha sfruttato l’occasione per lanciare una campagna di brand awareness per Nutella.

Lukas Wiener, Senior Digital Manager di Ferrero, ha dichiarato:

«Siamo entusiasti dei risultati della campagna e stiamo pianificando ulteriori investimenti su Pinterest. Tramite la piattaforma, riusciamo a raggiungere le persone che cercano concetti o cose specifiche e che sono interessate a scoprire marche e prodotti. I Pin sponsorizzati ci hanno offerto l’occasione di approcciare ancora meglio questo pubblico».

 

Scopri di più sulle curiosità dal mondo del web