Un camion TuSimple

Con TuSimple si sperimenta un sistema altamente avanzato per rendere la guida autonoma sempre più sicura e intelligente.

La tecnologia si dimostra una creatura in continua evoluzione. E anche se non siamo (ancora) arrivati allo skateboard volante di Ritorno al Futuro, in robotica e hi-tech sono stati fatti passi da gigante.

Il sistema di funzionamento delle auto a guida autonoma, per esempio, è stato ripreso per essere sviluppato anche per gli automezzi pesanti adibiti al trasporto merci.

 

Un unicorno chiamato TuSimple

La startup raccoglie 178 milioni di finanziamenti, portando la valutazione della società produttrice sino-americana a 1 miliardo di dollari, aggiudicandosi così il titolo di “unicorno”.

Grazie a questi capitali l’azienda potrà incrementare il numero di vetture di livello 4 da 12 a 50 entro questa estate, dove per livello 4, si intende quel livello di automazione che richiede un intervento umano minimo o pari a zero. La tecnologia di guida autonoma utilizzata arriva da Xiaodi Hou, neuroscienziato ma anche fondatore, presidente e chief technoly officer di TuSimple. Un’azione importante guidata dai cinesi di Sina-Corporation, già proprietaria di Weibo, la piattaforma social che conta oltre 500 milioni di iscritti.

Come funziona

Il sistema si basa su sensori e sofisticate videocamere dotate di un raggio di visione ad alta definizione.

Per la prima volta sarà possibile avere una visuale chiara fino ad una raggio di 1000 metri, una portata di gran lunga superiore a quella dell’occhio umano e dei LiDar attualmente presenti sul mercato. In questo modo il tempo di reazione di 10 secondi previsto su un raggio di 300 metri, si estende fino a 35. Così in caso di imprevisti si avrà il tempo di intervenire e limitare al massimo potenziali danni. In aggiunta, il deep learning garantisce una velocità media per ottimizzare i consumi del carburante, ritardando al contempo l’usura di freni e pneumatici.

TuSimple effettua già dalle 3 alle 5 consegne al giorno ed è in fase di test sulle strade dell’Arizona, in collaborazione con il College of Engineering dell’Università dell’Arizona, ma presto arriverà anche in Texas.

Scopri di più sul mondo delle startup