Un ragazzo in posa rilassata davanti al pc grazie a Yakkyofy

Yakkyofy, rivoluziona l’acquisto online grazie a un sistema di vendita basato sul dropshipping, dove automatizzazione è la parola d’ordine.

L’ecommerce procede con  la rapida ascesa che negli ultimi anni ne sta caratterizzando il percorso, basta osservare i numeri a sei zeri di colossi come Amazon, per capire la portata del fenomeno. Solo nel 2017 sono stati registrati 2.300 miliardi di dollari di vendite e gli esperti prevedono di raggiungere i 4.500 miliardi nel 2021. In Italia invece, l’ecommerce B2C ha generato nel 2017 un fatturato di 35,1 miliardi di euro, che si traduce in un aumento dell’11% rispetto al 2016. Un potenziale su cui anche Yakkyofy ha deciso di investire.

Come funziona Yakkyofy

Yakkyofy rappresenta la soluzione perfetta per chi vuole realizzare un ecommerce ma non dispone dei prodotti e delle risorse economiche.

Un software tutto italiano, parte del gruppo LVenture Group, dotato di diversi punti di forza.  Il sistema infatti è gratuito e di facile utilizzo: con pochi clic è possibile caricare il catalogo di prodotti dall’app direttamente sullo store del venditore. Un po’ come se si stesse effettuando il rifornimento di un magazzino virtuale, dove tutte le merci sono dotate di foto e descrizione.

Tra gli altri servizi, la possibilità di creare una linea personalizzata dei prodotti e seguire da remoto il tracking della spedizione. Dalla propria area personale infatti, si ha accesso alla tracciatura online per visionare il percorso della merce da ritiro fino a consegna. E a differenza di altre piattaforme simili, permette di gestire in autonomia le spedizioni dei prodotti, garantendo le migliori tempistiche di consegna in qualsiasi Paese.

A tal proposito, Giovanni Conforti, CEO di Yakkyofy, afferma: «Noi permettiamo di selezionare e fare sourcing dei prodotti in Cina, a un prezzo molto più aggressivo di Aliexpress, perché facciamo un sourcing direttamente presso le fabbriche e abbiamo un metodo di spedizione che si chiama Special Line che ci consente di spedire in tutto il mondo dai 3 ai 10 giorni lavorativi».

 

Infografica dropshipping su cui è basato Yakkyofy

Ma che cos’è il dropshipping?

Parliamo di un servizio che consente di effettuare la vendita online anche non disponendo fisicamente della merce in magazzino. Quando il cliente effettua l’acquisto, il venditore trasmette l’ordine al fornitore (dropshipper) che si occuperà di spedire il prodotto all’utente finale. Un modo per gestire l’intero business, senza doversi preoccupare dei passaggi intermedi della filiera comprendenti lo stoccaggio e il trasporto. Tempo risparmiato che può essere ottimizzato per curare altri aspettati collaterali alla vendita online, come il marketing e l’assistenza clienti.

Conforti, spiega: «È una nuova modalità di business, nata nel 2014, che permette di vendere online, senza avere fisicamente la merce a stock. Quindi si delega una terza società che si occupa di fare il sourcing, di spedire direttamente all’utente finale. In questo modo si ottimizzano i costi di magazzino e ovviamente gli investimenti, dedicandosi unicamente al core business che è quello di vendere e pubblicizzare i prodotti da vendere».

Scopri di più sul mondo ecommerce